Progettare un centro fitness: ecco da dove partire

Come progettare un centro fitness rispettando la normativa e andando incontro agli utenti

Se la tua intenzione è quella di aprire una palestra, uno degli aspetti fondamentali a cui devi pensare è come studiare la distribuzione degli spazi in modo tale che risulti funzionale. Anche l’aspetto che darai ai locali gioca un ruolo importante nel determinare il gradimento dei clienti e permetterti di trovarne di nuovi. Progettare un centro fitness significa infatti creare un luogo destinato non solo all’allenamento, ma anche al relax e all’aggregazione sociale.

Una palestra che mira a distinguersi deve trasmettere, anche attraverso la sua architettura, un carattere riconoscibile che unisca la componente funzionale a quella estetica. Gli spazi devono risultare piacevoli e devono essere divisi in modo tale da assicurare:

  • aree e sale per svolgere l’attività sportiva;
  • spazi comuni per consentire ai clienti di socializzare o dove possono ricevere informazioni, come reception, zona bar o ristorante;
  • locali di servizio come spogliatoi, docce, bagni;
  • uffici per l’attività amministrativa.

4 consigli per la progettazione e l’allestimento della palestra

  1. Se decidi di acquistare macchinari di ultima generazione per allestire le sale per l’allenamento sei già a buon punto, ma non è ancora abbastanza. A determinare l’aspetto finale e la fruibilità degli spazi è anche il modo in cui vengono collocate le macchine e i servizi accessori a disposizione dei clienti. Le macchine devono rispettare una certa distanza tra loro, per tutelare la privacy di chi le utilizza ed è importante che siano abbinate (raggruppare quelle che allenano lo stesso gruppo muscolare è utile sia per chi si allena che per i personal trainer!)
  2. I locali destinati alle attività sportive diverse devono essere ben separati, in quanto è necessario tenere conto delle diverse esigenze degli utenti. È consigliabile quindi progettare un centro fitness con l’area cardio all’ingresso della sala pesi per trasmettere idea di vivacità e dinamismo. Se disponi di una vetrata, posiziona vicino gli attrezzi cardio, in questo modo regali ai clienti la sensazione di allenarsi all’esterno.
  3. Il desk dedicato all’accoglienza clienti va posizionato in prossimità dell’ingresso.
  4. Nella progettazione di una palestra non possono poi mancare i locali di servizio da utilizzare come depositi di attrezzature, bagni, spogliatoi, e un’infermeria. La progettazione di questi spazi deve avvenire nel rispetto della normativa in materia, che varia in base al comune di riferimento.

I requisiti necessari indicati dalla normativa

I locali di una palestra devono rispondere a requisiti specifici indicati dalla legge. Gli spazi devono infatti rispettare:

  • l’agibilità (determinata in base a regolamenti locali e disposizioni Asl);
  • i titoli abilitativi;
  • la prevenzione degli incendi.

Devono poi corrispondere a una destinazione d’uso compatibile con lo svolgimento dell’attività sportiva, come disposto dal piano urbanistico del comune di riferimento e rispettare le norma in materia di:

  • igiene pubblica;
  • urbanistica;
  • tutela ambientale;
  • edilizia;
  • sicurezza alimentare;
  • tutela della salute nei luoghi di lavoro;
  • acustica;
  • regolamenti della polizia locale.

In base alle dimensioni della palestra è poi necessario prevedere un certo numero di uscite di sicurezza e presentare una documentazione del piano antincendio.

La normativa di riferimento per progettare un centro fitness è varia, oltre ai regolamenti locali è necessario, infatti, rispettare anche le normative regionali in materia che variano da regione a regione.
Per incontrare il gradimento degli utenti e invogliarli a passare del tempo in palestra, i locali devono essere arredati in modo gradevole, oltre che funzionale e devono essere dotati di ogni comfort.

Perché aderire a un franchising di palestre

Come avrai capito, progettare una palestra è tutt’altro che semplice. Se vuoi avere un centro fitness bello e accogliente, che risponda a tutti i requisiti imposti dalla normativa, la scelta migliore che puoi fare è quella di aderire ad un franchising di palestre.

Affiliarsi ad un franchising significa ricevere supporto dalla casa madre, anche nella ricerca e nella progettazione dei locali, ed è una buona idea sia se apri un’attività da zero, sia se lavori già nel settore e vuoi riconvertire la tua palestra per dare un nuovo slancio all’attività.

Anytime Fitness per esempio, con più di 4.900 club al mondo e oltre 5 milioni di iscritti, è il franchising numero uno al mondo nel settore del fitness, che vanta una forte presenza sul mercato e supporta davvero i franchisee con un’assistenza a 360°.

Cogli al volo l’opportunità di entrare a far parte di questo business in espansione: scopri come aprire la tua palestra!

Ti potrebbero Interessare