Idee per un perfetto business plan per la palestra

business plan palestra

A cosa serve un business plan per la palestra e perché non puoi farne a meno

Quello delle palestre è un business che sta registrando una fortissima crescita: in base all’ultima fotografia del settore sono circa 12mila quelle aperte in Italia, frequentate da quasi 6 milioni di utenti, cifra seconda solo a quella dei frequentatori di bar e pizzerie. Se aprire un centro sportivo è il tuo sogno, questo è il momento adatto. Avviare una palestra, infatti, significa dar vita ad un’attività imprenditoriale vera e propria e per aprire un centro sportivo non è necessario essere un istruttore di fitness, ma servono senza dubbio:

  • passione per lo sport,
  • una giusta motivazione,
  • la capacità di relazionarsi con le persone.

Sono poi indispensabili le caratteristiche che accomunano gli imprenditori di successo, ossia le capacità di amministrazione e di marketing.

Prima di avviare qualsiasi impresa è necessario, infatti, studiare con precisione un piano in cui vengono sintetizzate le caratteristiche del progetto imprenditoriale, a cui ricorrere per la pianificazione e la gestione dell’impresa. Il business plan per la palestra, infatti, al pari di quello studiato per le altre attività, deve essere sostenuto da un’analisi di fattibilità: si tratta cioè di una serie di dati utili a tracciare le linee guida della nuova impresa.

Cosa deve contenere un business plan per la palestra

business plan palestra

Il business plan per la palestra è quindi uno strumento molto utile per l’imprenditore, perché gli consente di valutare in maniera consapevole sia i punti di forza del progetto, che quelli di debolezza. Possiamo definire questo documento come un vademecum a cui fare riferimento per gestire correttamente l’azienda, fermo restando che può essere modificato e aggiornato in seguito all’acquisizione di nuovi dati.

Il business plan è anche un documento utile per:

  • presentare il progetto a possibili finanziatori;
  • accedere a finanziamenti pubblici;
  • accedere al credito bancario.

Deve quindi essere redatto tenendo conto di tutti i dati utili al fine ricercato. Per un accesso al credito serviranno quindi:

  • la descrizione dell’impresa che si vuole avviare;
  • una descrizione a grandi linee del progetto di investimento;
  • un’analisi di mercato che comprenda indicazione della concorrenza, punti di forza e criticità del mercato;
  • obiettivi di vendita e commerciali;
  • il piano di marketing e di pubblicità che si intende attuare;
  • la fattibilità tecnica del progetto, gli impianti necessari e il relativo costo;
  • un piano di fattibilità economica;
  • previsioni di redditività dell’investimento;
  • un piano temporale di sviluppo dell’impresa.

Come stilare un perfetto business plan per la palestra

business plan palestra

È chiaro che il business plan deve essere stilato nel modo più specifico possibile, facendo riferimento a dati reali che possono essere utili per l’avvio e la gestione dell’attività.

Se non hai alcun tipo di esperienza imprenditoriale, la formula del franchising rappresenta oggi una delle opportunità migliori a cui ricorrere per aprire la tua palestra. Dietro il pagamento di un free d’ingresso che può essere calcolato in base alle tue possibilità, il franchising ti offre una soluzione “chiavi in mano” e ti consente di seguire con semplicità tutte le fasi che portano all’apertura della tua nuova attività. Grazie poi all’assistenza continua da parte della casa madre, verrai supportato sia nell’avvio che nella gestione dell’impresa, partendo proprio dalla preparazione corretta di un business plan studiato in base ai tuoi obiettivi e alle tue esigenze.

 

 

 

 

Ti potrebbero Interessare