Cos’è la night economy: guida per gli investitori

night economy

Cos’è la night economy e perché può essere un’opportunità di business

Una categoria di attività economica che inizia dopo le ore 17 e comprende ristoranti, locali, teatri, festival, eventi, attrazioni aperte di notte: ecco cos’è la night economy. Nelle grandi città l’economia notturna è spesso maggiore di quella diurna. In Giappone, ad esempio, l’economia notturna supera quella legata alla produzione automobilistica. Anche in Italia la night economy rappresenta un settore molto ricco che registra alti fatturati. La presenza di locali e attività aperti la notte è molto più importante di quanto si possa pensare.

Secondo uno studio della Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi), le mete turistiche vengono scelte, nell’82,4% dei casi, in base alla presenza di attività notturne che consentano momenti di svago nelle ore serali. Se i turisti contribuiscono alla formazione del fatturato delle attività notturne per circa il 60%, è pur vero che il restante 40% viene attribuito ai residenti. Ciò significa che quello notturno è un settore che funziona, cerchiamo di capirne il motivo.

Cos’è la night economy e perché è in crescita

night economy anytime fitness

Come viene sviluppata la night economy in Italia? Un business che non sembra conoscere crisi ed anzi, è in espansione. I primi dati elaborati nel nostro Paese hanno confermato questa tendenza. Parliamo di un giro di affari che in base ai dati di contabilità nazionale 2014 diffusi dall’ufficio studi della Fipe è stato stimato intorno ai 70 miliardi di euro. Il settore ha registrato inoltre oltre 1,4 milioni di occupati: l’industria della notte è quindi un ottimo trampolino di lancio per nuove attività. Se consideriamo solo le attività aperte tra le 18 e le 6 del mattino il giro di affari di bar, locali e discoteche si è attestato intorno ai 5,3 miliardi di euro, quello di centri commerciali e negozi intorno ai 37 miliardi, quello dei ristoranti circa 17 miliardi.

La night economy trascina anche altri settori: a beneficiare del movimento notturno sono anche i trasporti pubblici, ma soprattutto taxi e car sharing con circa 2,5 miliardi di fatturato e il settore culturale con 14,4 miliardi.

Cos’è la night economy e su quali attività puntare

Per capire le potenzialità della night economy è bene approfondire alcuni aspetti relativi alla percezione dei servizi da parte delle persone. Sempre un’indagine della Fipe in collaborazione col Censis, infatti, ha evidenziato che il 55,8% delle persone intervistate in merito alla vita notturna in Italia ne ha una percezione positiva: la sera viene associata allo svago, al relax, al tempo con gli amici e questo non vale solo per il fine settimana, ma anche per i giorni infrasettimanali.

Nel fenomeno dell’economia notturna rientra a pieno titolo anche il settore del fitness che ha registrato ben 4 miliardi di euro di fatturato sempre in base ai dati Fipe: le palestre aperte anche di notte, infatti, rispondono all’esigenza di chi, per problemi di orario, non riesce ad allenarsi negli orari diurni e trova nei centri sportivi h24 un punto di riferimento molto importante.

Ti potrebbero Interessare