Cose da sapere prima di aprire un franchising

cose da sapere prima di aprire un franchising

Sei arrivato a un punto in cui vuoi dare una svolta alla tua vita? I tuoi valori e desideri sono cambiati rispetto al passato? Vorresti iniziare un lavoro che ti dia maggiore soddisfazione?

Magari questo pensiero ti è venuto mentre ti trovavi a bere un cappuccino in un bar in franchising. Ti sei guardato attorno e hai capito che anche tu avresti voluto dirigere un’attività con un grande marchio alle spalle, magari un brand conosciuto a livello internazionale

Il franchising è una formula di affiliazione che vede coinvolti il franchisor, la parte che concede il franchising, e il franchisee, ossia la parte che beneficerà del marchio del franchisor. 

Il nome del brand non è l’unico aspetto che l’affiliato acquisisce, perché può sfruttare anche gli strumenti, i servizi e tutto il know-how dell’imprenditore

Insomma, la formula del franchising permette anche a chi non ha esperienza come imprenditore di aprire un’attività con un nome forte e di vedere in poco tempo un buon profitto

Tuttavia stiamo parlando di una forma di collaborazione dai molti risvolti, che devi conoscere prima di imbarcarti in questa avventura. Allora scopriamo subito le cose da sapere prima di aprire un franchising. 

Cosa bisogna sapere prima di avviare un’attività in franchising

Questa tipologia di collaborazione è densa di dettagli da considerare perché, nel momento in cui decidi di aprire un’attività in franchising, entri a far parte a tutti gli effetti di un ecosistema

In questo ecosistema il franchisor ha dei particolari doveri nei confronti dei propri affiliati, come il supporto all’apertura, le forniture di sistemi, ecc. Però anche dall’altra parte sono previste delle responsabilità di chi apre attività in franchising, quindi obblighi in capo al franchisee. 

Partiamo dall’ABC e vediamo su quali aspetti devi ragionare per trovare il giusto franchising in cui investire. 

In quale attività investire

In Italia e nel mondo ci sono franchising in tutti i settori, dall’alimentare ai trasporti, dall’abbigliamento al fitness. Quindi, la prima scelta importante che devi fare è in quale settore desideri lavorare. 

Devi fare questa scelta basandoti su due riflessioni: 

  • Cosa ti piace; 
  • Quali sono le attività più convenienti oggi. 

Quindi dovresti scegliere un’attività in un settore per cui provi interesse. Non avrebbe senso investire in un franchising di caffè se la tua passione è la moda. Ciò significa chiederti quali sono i tuoi interessi e soprattutto le tue attitudini, ossia in cosa sei bravo. 

Dopodiché devi capire se l’attività che hai scelto è competitiva in questo momento storico e nella tua zona di residenza. L’attività giusta deve piacerti ma deve anche essere remunerativa.  

Qual è il costo richiesto

Dopo aver scelto il settore e l’attività più redditizia al suo interno, devi capire di quanto capitale hai bisogno per avviare il business. Qual è l’investimento per l’apertura del franchising? E, soprattutto, il tuo budget è sufficiente per coprire tutti i costi?

Per quanto famoso sia il marchio in franchising, non puoi aspettarti dei guadagni esorbitanti già dal primo giorno perché devi far conoscere la nuova attività alla comunità e attrarre i clienti. Ma, dall’altra parte, avrai oneri e spese da pagare fin da subito

Quindi devi chiedere al franchisor qual è il capitale richiesto e fare una valutazione in base alla somma che hai a disposizione.  

costo di aprire un franchising

 

 

Caratteristiche del franchisor

Il franchisor è la realtà a cui dovrai far riferimento per poter svolgere il tuo lavoro e ovviamente le aziende non sono tutte uguali. Alcune sono nate da una gestione familiare mentre altre sono realtà più grandi.

Oltre a questo devi valutare da quanto tempo esiste il franchising, quanti punti vendita ha aperto fino a questo momento, qual è stato il successo che ha raggiunto, come si trovano gli affiliati

Puoi addirittura porre delle domande al franchisor stesso e agli altri franchisee. All’imprenditore puoi chiedere un resoconto sul franchising per quanto riguarda gli ultimi anni, i dati sugli altri affiliati e anche eventuali problematiche. Agli affiliati puoi chiedere come si sono trovati, quanto è remunerativa l’attività, nonché punti di forza e debolezza del franchising. 

Quale tipo di impegno è necessario

Se tu dovessi aprire un’attività totalmente da zero e in proprio probabilmente dovresti investire nel lavoro la maggior parte della tua giornata. Tuttavia, anche l’impegno richiesto per aprire un franchising non deve assolutamente essere sottovalutato. 

In base alla tipologia di attività scelta potresti dover lavorare più duramente in certi giorni della settimana o mesi dell’anno. Inoltre, molto dipende anche dal giro d’affari che ruota attorno al franchising che hai scelto. La cosa migliore che puoi fare è discutere con il franchisor per capire fin da subito in cosa ti stai imbarcando. Se poi vuoi essere ancora più sicuro di ciò che ti aspetta, puoi chiedere anche agli altri affiliati. 

È molto importante capire di quanto tempo e di quante energie avrai bisogno per portare la tua attività al successo. Questo ovviamente dipende dal settore in cui lavori, dalla concorrenza e dal brand stesso. 

Qual è l’accordo con il franchisor

Il franchising ti vincola attraverso un vero e proprio contratto all’interno del quale vengono regolati i doveri di entrambe le parti. 

All’interno dell’accordo possono figurare molte voci tra cui la tipologia di pagamento dovuta dall’affiliato per far parte della rete, la durata, le forniture, i dipendenti, gli strumenti, il patto di non concorrenza e una eventuale proprietà intellettuale sulla produzione, ecc.

Se vuoi essere sicuro che l’accordo sia vantaggioso per te, puoi chiedere l’assistenza di un legale che ti spieghi tutte le eventuali clausole e le conseguenze a cui vai incontro. Ricordati che si tratta di un’attività imprenditoriale abbastanza complessa e per questo un avvocato può aiutarti a capire tutti i tuoi obblighi e vincoli, per essere certo di non tralasciare alcun aspetto. 

Vantaggi e svantaggi del franchising

Valutare i vantaggi e gli svantaggi a cui vai incontro è fondamentale per capire se il franchising è la scelta migliore per te

Il principale “svantaggio” del franchising, se così lo vogliamo chiamare, è il fatto che l’affiliato deve rinunciare a parte della sua indipendenza per rispettare le linee guida stabilite dal franchisor. Queste sono state stilate per garantire il successo dell’attività, ma rappresentano chiaramente un vincolo perché l’affiliato non può permettersi di ignorarle. 

Ma, dall’altra parte, è un buon compromesso se pensi a tutti i vantaggi dell’avviare un’attività in franchising piuttosto che in autonomia. Prima di tutto perché parti con un brand già avviato, quindi un nome già noto, e non devi farti conoscere da zero. 

Secondariamente, il rischio d’impresa è contenuto perché il business è già remunerativo ed è più difficile che fallisca rispetto a una nuova attività che deve crearsi una posizione sul mercato. 

Inoltre, se non hai esperienza come imprenditore puoi sfruttare tutto il know-how del franchisor. Quest’ultimo ti fornirà delle linee guida già testate in altri punti vendita per far progredire anche il tuo. 

Aprire la tua palestra con Anytime Fitness conviene

Hai sempre voluto aprire una tua palestra ma il rischio ti sembrava troppo elevato o avevi paura di non avere le qualità imprenditoriali necessarie? Con il franchising tutte queste paure svaniscono all’istante. 

Noi di Anytime Fitness ti offriamo la possibilità di aprire la tua palestra sfruttando il nostro marchio già affermato in tutto il mondo. Ma non solo, ti assistiamo prima, durante e dopo l’apertura del tuo club in tutti gli ambiti del business. 

Mettiamo a tua disposizione le nostre strategie già testate che ti aiuteranno a raggiungere il successo con il giusto tempo e senza un dispendio eccessivo di energie. 

Cosa ne dici? Scopri come investire nella tua palestra a marchio Anytime Fitness!

Ti potrebbero Interessare