Cosa sono gli alimenti a calorie negative e come fanno dimagrire

Ecco cosa si intende per alimenti a calorie negative

È possibile dimagrire mangiando? Se punti sulle calorie negative dei cibi la risposta è sì. Si sente spesso parlare di alimenti a calorie negative, ma cosa significa? Il nome può forse trarre in inganno, sarebbe infatti più corretto chiamarli cibi a calorie zero, che permettono di dimagrire grazie all’energia richiesta dal processo digestivo. In alcuni casi si tratta di alimenti a zero calorie, in altre di cibi che hanno pochissime calorie, talmente poche che diventano negative se consideriamo l’energia che l’organismo impiega per la masticazione e la digestione. In pratica, possiamo mangiare e sentirci sazi senza ingrassare.

Il meccanismo che porta al dimagrimento è molto semplice.

Tutte le volte che mastichiamo, ingeriamo e digeriamo l’organismo è sottoposto a un dispendio energetico e di conseguenza consuma calorie. È un processo che incide sulle calorie totali che spediamo ogni giorno. Gli alimenti a calorie negative sono talmente poveri di calorie da non riuscire a pareggiare questo processo che necessita di un numero maggiore di calorie.

Bisogna però fare attenzione, non basta inserire nella dieta dei cibi a calorie negative per ottenere un dimagrimento. L’attività legata alla digestione varia infatti a seconda degli abbinamenti e delle quantità di cibi che vengono assunti. È inoltre legata i parametri dell’individuo e alle sue abitudini.

Cibi a calorie negative: ecco una lista

I cibi a calorie negative sono molti più di quelli che di certo immagini, molti sono di uso comune e di certo sono già nella tua dispensa. Curioso di sapere quali sono? Eccone alcuni tra i più comuni.

  • L’acqua. È tra gli alimenti senza calorie per eccellenza, indispensabile per la nostra sopravvivenza. Forse non tutti sanno che necessita di calorie per essere assorbita e smistata.
  • Le mele. In 100 grammi di mela troviamo circa 50 calorie, più o meno la stessa quantità che usa l’organismo per masticarle e digerirle. Mangiare mele significa quindi assumere antiossidanti, vitamine e sali minerali senza aggiunta di calorie.
  • La rucola. È una verdura ricca di acido folico, vitamina k, potassio e calcio. In 100 grammi di rucola si contano 28 calorie, le stesse che servono per masticarla e digerirla.
  • Gli asparagi. Le calorie impiegate dal processo digestivo sono molte di più di quelle che si possono ingerire. In 100 grammi di asparagi troviamo appena 20 calorie.
  • Le barbabietole. In 100 grammi di questa radice troviamo solo 43 calorie.
  • I broccoli. Troviamo poco più di 30 calorie in 100 grammi. Il processo digestivo ne richiede molte di più.
  • I cavolini di Bruxelles. Altro alimento a calorie negative: poco più di 40 in 100 grammi.
  • Il cavolo. Sono ancora di meno le calorie contenute nel cavolo, appena 25 in 100 grammi.
  • Il brodo vegetale o di pollo. Una tazza di brodo contiene pochissime calorie: tra le 7 e le 12.
  • Le carote. Si contano 40 calorie in 100 grammi, se le consumiamo crude l’impatto calorico della masticazione e della digestione è praticamente nullo.
  • Il cavolfiore. È uno dei vegetali più importanti per il nostro benessere e vanta appena 25 calorie in 100 grammi.
  • Il sedano. Appena 20 calorie in 100 grammi, meglio consumarlo crudo se si vuole ottenere un impatto calorico nullo.
  • La bietola. È addirittura povera di calorie, solo 19 in 100 grammi, ma è ricca di vitamina k.
    • Le clementine. Sono fonte di vitamina C e contengono 47 calorie in 100 grammi. Considerando il processo digestivo sono praticamente a impatto zero calorie.
  • I finocchi. Appena 30 calorie in 100 grammi. Anche questo è uno degli alimenti a calorie negative che va mangiato crudo per far sì che l’impatto calorico sia nullo.
  • I cetrioli. Essendo costituiti per lo più di acqua vantano solo 14 calorie in 100 grammi.
  • I pompelmi. Ricchi di sostanze antiossidanti contano solo 42 calorie in 100 grammi.
  • I funghi. Contengono sali minerali, ma solo 22 calorie, sempre in 100 grammi.
  • Le cipolle. Rosse, dorate o bianche vantano tutte 40 calorie in 100 grammi.
  • I peperoni. Ricchi di antiossidanti e vitamina C vantano solo 40 calorie in 100 grammi.
  • La papaya. Anche questo alimento ha un apporto di 40 calorie in 100 grammi.
  • I ravanelli. Contengono molto potassio, ma solo 16 calorie in 100 grammi. Però i ravanelli fanno dimagrire se consumati crudi, solo in questo modo si può avere un impatto calorico negativo.
  • La lattuga. È un forte idratante che contiene appena 15 calorie in 100 grammi.
  • Le fragole. Vantano solo 35 calorie in 100 grammi.
  • Gli spinaci. Sono tra le verdure a caloria negativa più importanti per il nostro organismo, 100 grammi contengono solo 23 calorie.
  • I pomodori. Se mangiati crudi tra masticazione e digestione sono a impatto zero calorie considerando che ne contengono solo 20 in 100 grammi.
  • Le zucchine. Perfette in ogni pietanza contengono pochissime calorie: 13 in 100 grammi.

Gli alimenti a calorie zero nella dieta dello sportivo

Inserire alimenti poveri di calorie nella dieta può aiutare chi si allena a raggiungere obiettivi come il dimagrimento e la tonificazione. Per sfruttare al meglio le caratteristiche degli alimenti a calorie negative si consiglia di inserirli soprattutto negli spuntini. L’alimentazione per la palestra deve infatti essere completa, ricca dei nutrienti essenziali per stare bene e per supportare le performance. Si può poi studiare una dieta a calorie negative, l’importante sarà evitare il fai da te rivolgendosi ad un nutrizionista.
nbsp;

Ti potrebbero Interessare