Come investire i propri risparmi? Alcune soluzioni redditizie

come investire i propri risparmi

Ecco come investire i propri risparmi e ottenere un buon ROI

Se hai del denaro da parte, sai bene che uno dei migliori modi per farlo fruttare potrebbe essere quello di metterlo a rendita. Una buona idea potrebbe essere quella di aprire un’attività in proprio, che ti possa portare un buon riscontro economico. Oggi, infatti, mettersi in proprio è una soluzione che offre molti vantaggi:

  • puoi guadagnare più che da dipendente;
  • puoi organizzare meglio il tuo tempo;
  • puoi realizzarti professionalmente.

Capire come investire i propri risparmi non è semplice. Anzi, è forse la decisione più difficile da prendere se quello che si vuole ottenere è un buon ROI, cioè un ritorno sugli investimenti. Come si individua un business vincente? Come si gestisce un’attività? Come trasformarla in un’attività redditizia?

come investire propri risparmi

Il passo da compiere non è piccolo: diventare capo di se stesso è una scelta che regala una sensazione di libertà assoluta, ma può spaventare. È per questo che molti si chiedono se sia meglio diventare un imprenditore indipendente o affiliarsi ad un franchising.

In tal senso, entrare nella scia di un marchio noto è la soluzione più giusta se si è privi di un’esperienza imprenditoriale, oppure se si vuole dare nuova vita ad attività già esistenti, i cui guadagni non sono soddisfacenti. La scelta del franchising consente, infatti, di limitare il rischio di impresa e offre una guida da cui poter imparare. Diventare un franchisee significa entrare a far parte di un gruppo già collaudato, che ha già la sua cultura d’impresa. Essere un affiliato significa, quindi, avere la possibilità di acquisire conoscenze fondamentali per la gestione di un business molto più velocemente che se si avviasse un’esperienza imprenditoriale in proprio.

Come investire i propri risparmi in modo vantaggioso?

Ci sono evidenze a supporto di quanto appena detto: la crisi economica degli ultimi anni ancora fa sentire i suoi effetti su alcune tipologie di business, ma al tempo stesso emergono settori che si stanno rivelando delle vere e proprie miniere d’oro. Uno di questi è il franchising.

In base al report dell’Osservatorio Federfranchising Confesercenti, diffuso a seguito dell’Assemblea Annuale 2018, nel 2017 le attività in affiliazione hanno generato un fatturato complessivo di 24,2 miliardi, registrando un + 0,9% rispetto al precedente anno. Tale risultato è stato raggiunto anche grazie all’espansione della rete dei franchisor attivi in Italia che sono stati 977, cioè il 2,7% in più rispetto al 2016. Il numero delle attività affiliate ha invece raggiunto la quota di 51.260.

investire i risparmi

In un momento di difficoltà economica come quello che stiamo vivendo, gli aspiranti imprenditori preferiscono investire i propri risparmi puntando sul sicuro con una formula che consenta di avere maggiori garanzie di successo dell’attività.

Le categorie merceologiche più diffuse sono: food, abbigliamento, benessere (salute, cura della persona, palestre) e, infine, articoli per la casa e per la persona. La ristorazione, in base ai dati Assofranchising 2016, genera quasi 2,5 miliardi di fatturato e conta 3.800 punti vendita, ma la crescita maggiore si registra nel settore del benessere, che produce 270 milioni di ricavi.

Investire nel franchising: l’opinione dei consumatori

Se la formula del franchising non fosse gradita ai consumatori, non avrebbe motivo di esistere. In base ai dati del survey del Centro Studi Salone Franchising Milano diffusi ad aprile 2018, in Italia il 36% dei consumatori (1 su 3) preferisce acquistare prodotti o servizi presso un’attività in franchising. I motivi sono diversi:

  • il 51% ritiene che via sia maggior controllo sulla qualità dei prodotti;
  • il 26% pensa che un’insegna nota sia garanzia di maggiore affidabilità dei prodotti o dei servizi;
  • il 23% considera il livello di servizio e di comfort ambientale maggiore;
  • il 22% apprezza il fatto che i prezzi siano omogenei.

I consumatori, quindi, non agiscono di impulso: quando devono procedere ad un acquisto, preferiscono rivolgersi ad insegne dal marchio noto perché si fidano della garanzia del marchio, della qualità dei prodotti e del fatto che troveranno prezzi uniformi su tutta la rete.

Ti potrebbero Interessare