Aprire in franchising: 5 domande da fare al Master Franchisee

Verso il successo imprenditoriale: ecco cosa sapere prima di aprire in franchising

Hai deciso di metterti in proprio e aprire in franchising. Il sistema dell’affiliazione commerciale è quello che oggi ti offre maggiori garanzie di successo, puoi diventare imprenditore anche se non hai alcuna esperienza pregressa e puoi contare sulla forza di un marchio per acquisire clienti e ampliare il tuo business.

Se non hai ancora deciso in quale settore aprire la tua attività e ti stai guardando intorno, ti sarai di certo accorto che i brand che offrono possibilità di affiliazione sono davvero molti. In Italia la rete dei franchising che funzionano è sempre più estesa: il settore ha registrato il suo anno d’oro nel 2017, periodo in cui molte altre aziende si sono trovate in difficoltà. In base ai dati di “Federfranchising Confesercenti”, presentati nel 2019, la crescita del sistema franchising è andata avanti anche nel 2018, che si è chiuso con un fatturato di 24.4 miliardi di euro (+0,8% rispetto al precedente anno).

Perché aprire in franchising in questo momento?

In un momento economicamente difficile come quello attuale, aprire in franchising rappresenta una soluzione strategica per entrare nel mercato in modo competitivo. Non tutti i brand però sono uguali e non tutti offrono le stesse condizioni e garanzie. Oltre alla notorietà del marchio varia anche il format di gestione.

Se vuoi individuare l’azienda giusta a cui affiliarti devi reperire tutte le informazioni che possono esserti utili per capire la serietà del franchisor e la convenienza del format proposto. Come fare?

Ecco quali sono le domande che dovresti porre al Master Franchisee per valutarne la serietà.

5 domande che dovresti fare al Master Franchisee

Prima di aprire in franchising ecco alcune domande che puoi porre all’azienda per valutare le condizioni proposte.

1. Quali sono i costi di ingresso/affiliazione?

I costi di ingresso e di affiliazione sono diversi da franchising a franchising e possono crescere in base ai servizi richiesti. I migliori brand sono quelli che possono offrirti un investimento iniziale e delle royalties ragionevoli e personalizzate. Devono poi essere capaci di offrirti prospettive di guadagno rapide, per far sì che tu possa rientrare del capitale investito nel breve-medio periodo. Il ROI (Ritorno sull’Investimento) è un indice utile per valutare la redditività di un’impresa.

2. Che tipo di supporto viene fornito al Franchisee?

I servizi offerti dalla casa madre possono essere diversi. Si va dalla semplice consulenza all’assistenza, all’aiuto nella ricerca dei locali, alla formazione del personale, alla gestione pratica dell’attività. Il successo o meno di un franchising dipende proprio da questo, dalla capacità della casa madre di supportare in modo adeguato i suoi franchisee.

3. Viene assicurata una formazione/training iniziale e continuativo?

Aprire in franchising significa entrare a far parte di un circuito di imprenditori che hanno sposato lo stesso modello di business, già avviato con successo. Lavorano tutti in modo quasi identico alla casa madre condividendo i vantaggi del marchio e godendo delle iniziative pubblicitarie e promozionali avviate dal brand. Per entrare in questa struttura è necessaria una formazione iniziale e nella maggior parte dei casi l’affiliato riceve assistenza e formazione da parte della casa madre anche dopo aver avviato l’attività.

4. Esistono agevolazioni finanziarie derivanti dall’affiliazione?

La formula del franchising consente di ridurre il rischio di impresa, massimizzando quindi l’investimento iniziale. L’assistenza di alcuni brand riguarda anche l’aspetto finanziario: il franchisee viene supportato nella ricerca di bandi e finanziamenti pubblici e viene messo in condizione di stringere accordi vantaggiosi con le banche per ottenere i fondi necessari per avviare la sua attività.

5. Esiste la concessione di aree di esclusiva?

Nei contratti di franchising è spesso presente una clausola che consente al franchisee di disporre di una zona di esclusiva, entro la quale non deve subire la concorrenza di altri imprenditori che offrono il suo stesso servizio. La zona di esclusiva non è però presente in tutti i contratti di affiliazione. Le parti che decidono di inserire nel contratto questa zona devono identificare in modo chiaro l’ambito geografico dell’esclusiva.

Perché aprire un’attività in franchising con Anytime Fitness

Se sei alla ricerca di un brand serio e affidabile che ti offra un contratto di affiliazione davvero vantaggioso, Anytime Fitness è il brand che fa al caso tuo.

– Anytime Fitness è il marchio di franchising numero uno al mondo nel settore del fitness e assicura ai suoi affiliati un’assistenza a 360° che inizia già prima dell’avvio dell’attività. Dall’individuazione della location, all’arredo dei locali, alla formazione del personale, fino alla gestione pratica della tua impresa, non sarai mai lasciato solo!

– È uno dei migliori franchising a costo medio a cui puoi aderire con un investimento iniziale e royalties ragionevoli.

– Il modello di impresa proposto è uno tra i più competitivi del mercato e anche tra i più vantaggiosi: il ritorno sull’investimento rappresenta uno dei punti di forza del nostro modello di business. Non è un caso che il 90% degli affiliati, pur senza avere un’esperienza pregressa, è riuscito ad aprire più di un club!

– Le palestre a marchio Anytime Fitness sono oltre 4800 in tutto il mondo e il brand sta espandendo la sua rete anche in Italia.

Scopri quali sono le garanzie di AF per aprire la tua palestra!

Ti potrebbero Interessare